venerdì 15 giugno 2012

Machete

 
Pensavo che Machete non mandasse messaggi
Machete improvvisa.


Trama: Machete è un ex agente federale creduto morto dopo lo scontro con uno spietato boss della droga. Rifugiatosi in Texas viene coinvolto nell'attentato ad un senatore razzista. Ma scoprirà ben presto di trovarsi al centro di un complotto.

Circondato da grandissima aspettative, elevato al rango di cult movie praticamente già prima della sua uscita in sala, "Machete" era uno di quei film che dovevo assolutamente recuperare.
Perchè i film di Rodriguez, a casa nostra, piacciono, e pure tanto. Sono eccessivi, divertenti ma posseggono anche una cura nella realizzazione che dimostrano una profonda conoscenza della materia.
Espansione del finto trailer proiettato prima dell'incredibile "Planet Terror" sicuramente "Machete" è Rodriguez allo stato puro.



Sicuramente non il migliore, non diverte completamente come "Dal tramonto all'alba", non possiede l'incredibile follia nel suddetto "Planet Terror" nè la classe, e lo dice una a cui il film non è piaciuto per niente, di "Sin City", ma si tratta senza dubbio di una pellicola in cui il carattere del suo creatore è fortemente presente.
Confezionato con l'intento di ricreare un b-movie anni 70, "Machete" contiene tutte le caratteristiche del cinema di genere, l'eroe tradito creduto morto che si trasforma in giustiziere, armi improbabili, donne bellissime e letali, cattivi da manuale, inseguimenti e combattimenti incredibili; trovando il suo punto di forza, senza dubbio, nel cast.



Danny Trejo non interpreta Machete, Danny Trejo è Machete.
Laconico, letale, ammazza i cattivoni, aiuta i più deboli e, senza dubbio, lascia il segno.
Lo affiancano due fanciulle tostissime. La splendida Jessica Alba nei panni di un agente dell'ufficio immigrazione in tacchi a spillo dalla pistola facile, che diventerà ben presto alleata di Machete, e Michelle Rodriguez, letale vendicatrice solitaria, personaggio che sembra cucitole letteralmente addosso.
Contro di loro un manipolo di cattivi da manuale.
Steven Seagal, con parrucchino e letale assistene in bikini pare uscito da un fumetto, lui e Machete valgono da soli una visione del film. A contorno, il senatore iperazzista Robert De Niro, Jeff Fahey,
Don Johnson ironizzano su loro stessi e si divertono come matti (si vede).



Rodriguez, come al solito, non si risparmia e non ci risparmia praticamente nulla, mani mozzate, gole tagliate, persino un inseguimento in ospedale con uso di intestini come mezzo per fuggire.
Alla fine ne risulta un "filmaccio" tamarro che può deludere un pochino le aspettative, personalmente ho preferito nella sua rozzezza "Planet terror", ma non da buttare, anzi, consigliabile per una sana serata di spasso.

Newmoon

4 commenti:

Blackswan ha detto...

Film cafonissimo,ma troppo divertente.Da non perdere.

Rumplestils Kin ha detto...

Il film era gustosamente trash. Ma poi ho visto Lindsay Lohan vestita da suora armata di pistolone assassino. E ho capito che AMAVO questo film.

blackswan ha detto...

Cherotto,il mio pc è impazzito.Non sono più amministratore di questo blog.Se per questo, nemmeno del mio.Help !

Blackswan ha detto...

ripristinato.fiuuuu!