martedì 7 agosto 2012

Sacco a pelo a tre piazze


Sacco a pelo a tre piazze
(USA 1985)
Titolo originale: The Sure Thing
Regia: Rob Reiner
Cast: John Cusack, Daphne Zuniga, Nicollette Sheridan, Anthony Edwards, Tim Robbins, Viveca Lindfors
Genere: commedia super 80s
Se ti piace guarda anche: Non per soldi… ma per amore, Una pazza giornata di vacanza, Risky Business, Fuori di testa, Licenza di guida

Cult anni ’80 cercasi. Ognuno ha i suoi cult personali e a volte è difficile spiegare razionalmente perché ti piacciano tanto. È così e basta. Sarà perché da piccolo ti sono rimasti dentro, magari a livello inconscio. Sarà che non si può cercare sempre una spiegazione razionale per tutto. L’eccessiva razionalità è una brutta bestia.
Sacco a pelo a tre piazze è un film gradevole e simpatico che scorre via veloce come perfetta visione estiva, con un tuffo negli anni Ottanta completo, ma che poteva riservare qualche soddisfazione maggiore. La storia è davvero basic, con un ragazzo come tanti che non riesce ad ambientarsi al college e allora decide di fare un viaggio per tutti gli USA in modo da ribeccare il suo migliore amico a Los Angeles e soprattutto una bionda che gliela darà sicuramente: è lei (almeno inizialmente) la “Sure thing” del titolo originale (velo pietosissimo invece su quello italiano). Il viaggio però lo farà insieme a una sua compagna di college tutta perfettina, che vuole andare a L.A. per trovare il boyfriend perfettino pure lui (e pure parecchio nerd). Uno spunto che verrà poi vagamente ripreso qualche anno più tardi da Harry ti presento Sally, solo che in quel caso la destinazione è NYC non L.A..

Un film piacevole, dicevo, ma che comunque non va oltre la soglia del “cariiiiino”. Perché?
Perché le battute snocciolate soprattutto dal John Cusack fanno ridere o più che altro sogghignare, ma non sghignazzare del tutto in maniera liberatoria e goduriosa.
La colonna sonora è carina, ma a parte la grande You Might Think dei Cars che si staglia nella memoria, il resto viene usato come sottofondo gradevole quanto mai incisivo.
La coppia di attori devo poi dire che non mi ha fatto impazzire, ma specifico anche che i due non mi hanno mai fatto impazzire. John Cusack boh, per me è una grande incognita, ha una carriera ormai quasi trentennale sul groppone eppure non ricordo una sua sola interpretazione memorabile, visto che in film come Alta fedeltà o Essere John Malkovich se la cava sì, però sono film che a me hanno lasciato addosso una sensazione particolare: quella che con un altro protagonista sarebbero potuti essere ancora migliori.



La sua compagna di viaggio è una ragazza tutta l’opposta del Cusack: tanto lui è confusionario, cazzaro e indeciso sul suo futuro, tanto lei è precisina, organizzata, secchiona e impegnata in una sterile relazione. A darle volto c’è Daphne Zuniga, che negli anni ’90 diventerà una delle protagoniste del telefilm Melrose Place e sarà una delle inquiline che mi staranno più sulle balle. Anche perché vogliamo mettere la Zuniga con Marcia Cross (poi in Desperate Housewives), Laura Leighton (ora in Pretty Little Liars) e soprattutto Heather Locklear, l’interprete della super bitch per eccellenza della tv americana, alias Amanda Woodward? Eh no, non c’è proprio competizione.
A proposito di Desperate, comunque, in questo Sacco a pelo a tre piazze fa il suo esordio assoluto su grande schermo la biondazza Nicollette Sheridan, qui la “Sure Thing” dei sogni del Cusack e che poi interpreterà la (apparentemente) meno disperata tra le casalinghe, quel pu**anone di Edie Britt. La Sheridan poi litigherà con l’autore della serie Marc Cherry e questi per vendetta farà morire il suo personaggio in maniera davvero tragica e bastarda. Ma questa, a quanto si suol dire, è un’altra storia…

Tornando al film, ormai mi sto dilungando e divagando troppo e non è più tanto una recensione spiccia. E allora arriviamo alle conclusioni rapide: nonostante un finale buttato via in maniera troppo veloce e nonostante mi aspettassi qualcosina in più, questo rimane comunque un must watch per gli appassionati di cinema del decennio. Don’t you forget about 80s.
(voto 6,5/10)

Cannibal Kid

1 commento:

...Domani è comunque un altro giorno ha detto...

Come fai a dare solo 6,5 a cult anni '80?? Già solo per il fatto di provenire dagli anni '80 merita 10! ;)