martedì 8 gennaio 2013

Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato




Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato
(USA, Nuova Zelanda 2012)
Titolo originale: The Hobbit: An Unexpected Journey
Regia: Peter Jackson
Cast: Martin Freeman, Ian McKellen, Richard Armitage, Ken Stott, Graham McTavish, William Kircher, James Nesbitt, Stephen Hunter, Aidan Turner, Elijah Wood, Ian Holm, Hugo Weaving, Andy Serkis, Christopher Lee, Cate Blanchett, Lee Pace, Benedict Cumberbatch
Genere: Signorino degli anelli
Se ti piace guarda anche: Il signore degli anelli, Game of Thrones

Peter Jackson ha un hobby. Ho detto un hobby, non un hobbit. Oddio, magari con tutti i soldi che si è fatto con il Signore degli anelli possiede pure un hobbit. Elijah Wood, ad esempio, cosa fa quando non gira la serie tv Wilfred? Dov’è? Secondo me, potrebbe benissimo essere il nano da giardino in casa Jackson. Chi lo sa?
Comunque, l’hobby di Peter Jackson è il fantasy. Fino a che ciò significa giocare a Dungeons & Dragons con la moglie e gli amichetti, cavoli suoi. Quando questa sua passione la riversa su grande schermo, però, sono anche cavoli nostri. Il più delle volte, cavoli piacevoli. La trilogia del Signore degli Anelli è stata una signora trilogia. Emozionante, fantasiosa, avventurosa. Un’esperienza piacevole anche per chi, come il sottoscritto, ha sempre gettato uno sguardo di traverso al mondo fantasy. Merito dei valori universali di amicizia, devozione e rispetto snocciolati dalla storia. Merito anche di una serie di personaggi carismatici, come Aragorn, o folli, grandiosamente folli come il Gollum, oppure simpatici e pasticcioni come i piccoli hobbit.

Al termine dell’immane quanto riuscita impresa di trasportare su grande schermo il tomo di Tolkien, Peter Jackson si era poi gettato su un’altra trasposizione letteraria, tirando fuori lo splendido Amabili resti, mio film dell’anno 2010. Una parentesi intimista, per quanto pure quella non priva di una componente fantasy, prima di ritornare nella terra di mezzo.



In verità, il progetto de Lo Hobbit ha avuto una vita parecchio travagliata. Già va considerato che è un libro che Tolkien ha scritto prima del Signore degli Anelli, che nasce quindi come sequel. Mentre questo adattamento cinematografico arriva dopo, in versione prequel. Ma questi sono dettagli che possono essere sistemati senza troppi problemi, a Hollywood.
Il progetto all’inizio era stato affidato alle mani messicane di Guillermo Del Toro. Regista che pure a me non è che entusiasmi completamente. Mi è piaciuto Il labirinto del fauno, mentre i due Hellboy mi sono sembrati decenti ma niente di memorabile. Non sono un fan assoluto del Del Toro non Benicio, però ero curioso di assistere a ciò che avrebbe potuto tirare fuori dalla materia tolkieniana. Così, tanto per cambiare.
Per casini vari che adesso non conosco e che qualche recensore più professionale e qualificato e tolkieniano vi saprà spiegare meglio di me, il progetto Lo Hobbit è finito di nuovo tra le mani da hobbit di Peter Jackson.
Cosa che poi non ha sorpreso nessuno, visto che sapevamo sarebbe andata a finire così.
La cosa non mi dispiaceva nemmeno troppo, visti i buoni risultati ottenuti dalla trilogia anellare. Il problema è che quanto ne è uscito è un prodotto senza una sua identità specifica. Lo Hobbit sembra un altro episodio della saga in tutto e per tutto, senza presentare grosse novità, se non la velocità a 48 fotogrammi al secondo con cui alcune copie della pellicola sono state distribuite. Ma questi sono tecnicismi alla James Cameron e non devono ingannare. Per il resto, è un film del tutto adagiato nel passato. Se il livello fosse quello della Compagnia dell’anello, delle Due Torri o del Ritorno del re, mi starebbe anche bene. Il risultato invece mi è sembrato più come se stessi assistendo alle scene tagliate da questi episodi. A scene giustamente tagliate.
Aggiungi didascalia



In questo Lo Hobbit, di momenti memorabili ce ne sono davvero pochi. Io ne ho contato uno: la scena del canto triste a casa di Bilbo prima della partenza per la grande (ma dove?) avventura. Per il resto, ci sono 3 ore 3 di scenette estenuanti, bambinesche, noiose, che mettono a dura prova la pazienza, e pure la sopravvivenza, dello spettatore meno avvezzo al fantasy.
Il grande pregio della trilogia del Signore degli anelli era quello di saper ammaliare e trasportare nella sua terra di mezzo anche i meno patiti del genere come me. Il grande difetto di questo è quello di non riuscire a farlo. Tra i motivi della scarsa riuscita de Lo Hobbit, sicuramente possiamo citare la scelta di trasformare il romanzo unico di Tolkien prima in due, poi addirittura in tre pellicole distinte. Giusto per capitalizzare al massimo gli incassi. E chissenefrega del risultato artistico.
Se Il signore degli anelli era stato pubblicato su tre volumi e quindi una trilogia cinematografica calzava a pennello, questo romanzo unico doveva diventare un film unico. Fine della storia.

In attesa di giudicare anche i prossimi due capitoli (ma penso dovrò munirmi di molti caffè + red bull per reggerli da sveglio), il primo episodio Un viaggio inaspettato di inaspettato non ha proprio un bel nulla e appare come un capitolo introduttivo ricca di momenti riempitivo.
La primissima parte ci riscaraventa in mezzo alla Terra di Mezzo e ci sta ancora. L’effetto nostalgia di ritrovare alcune vecchie conoscenze fa piacere. Compare persino Frodo/Elijah Wood! L’irruzione dei vari personaggi in casa Baggins è anche simpatica. Strappa qualche sorriso e uno pensa: non è proprio come la prima trilogia, però magari da qui in poi la pellicola migliora…
Invece no. Quella è la parte migliore del film. Poi si peggiora. Quando l’avventura vera e propria comincia, comincia pure la noia. Manca giusto Barbalbero, e poi è una lunga, interminabile sequela di personaggi inverosimili e gag assurde. Persino il ritorno di altri volti familiari come l’inquietante Galadriel (Cate Blanchett), l’ancor più inquietante Saruman (Christopher Lee), o l’ancor ancor più inquietante Gollum (Andy Serkis) non sortisce l’effetto sperato.
Parentesi Gollum: per quanto la sua comparsata risulti ancora tra i momenti più interessanti della pellicola, appare qui come una parodia di se stesso. Sarà che ormai la sua frasi simbolo: “Il mio tesssoro” ormai è stata sputtanata a forza di sentirla e riderci sopra, però appare ridicolo piuttosto che no. Laddove nel Signore degli anelli appariva invece il personaggio più ambiguo e sfaccettato dell’intera Opera.





Vogliamo salvare qualcosa da tre infinite ore di fantasy puro?
E con fantasy intendo che ho passato tutto il tempo a fantasticare di vedere un altro film?
Per il momento non si è nemmeno ancora vista la tanto vociferata Evangeline Lilly, che probabilmente comparirà per tipo 5 minuti in uno dei prossimi due episodi, e allora salviamo il protagonista. Martin Freeman sembra nato per fare un hobbit, anzi per fare Lo Hobbit. Gli altri attori e gli altri personaggi invece non funzionano. Alcuni per altro sembrano truccati come Francesco Mandelli dei Soliti idioti, tanto che mi aspettavo un “Dai, cazzo, GianBilbo!” da un momento all’altro. L’Aragorn di Viggo Mortensen, il Sam di Sean Astin, i Pipino e Merry di Billy Boyd e Dominic Monaghan… quelli sì che erano personaggi.
Questi nuovi chi sono? Dove vogliono andare?
Il Thorin interpretato da Richard Armitrage, in particolare, vorrebbe davvero essere il nuovo Aragorn?
Ma per favore!






Lo Hobbit è una versione in tono minore del Signore degli anelli. Un signorino degli anelli, nonché un film sbattito zero. Persino il compositore Howard Shore non si è sforzato manco un minimo e ha riciclato i temi musicali già noti della precedente trilogia. Quanto a Peter Jackson, ha girato in maniera sicura e impeccabile, ma col pilota automatico inserito. Se dal Signore degli anelli emergevano chiaramente l’entusiasmo e il divertimento del regista neozelandese, qui sembra quasi che si sia annoiato lui stesso. Figuriamoci noi poveri spettatori.
Un consiglio: per passare meglio le 3 estenuanti ore di visione, è meglio se vi trovate un hobbit… volevo dire un hobby.
(voto 5,5/10)

Cannibal Kid

8 commenti:

Elle ha detto...

Un po' quello che facciamo noi blogger quando non abbiamo voglia di scrivere un nuovo post: ne riaddattiamo uno vecchio, ignorato da tutti ma promettente, aggiungiamo due otre foto e una canzone, e al massimo ci sforziamo di cambiare il titolo. Almeno però abbiamo il buon gusto di scegliere un post che nessuno aveva letto, così non si nota il riciclo ;)

Marco Goi - Cannibal Kid ha detto...

è una pratica da cui mi dissocio!

anche se, oddio, forse l'ho fatto pure io... dannata sindrome da lo hobbit :)

MrJamesFord ha detto...

Ti pareva! Non mi stupisce che non ti sia piaciuto: altro che Cannibal Kid, tu sei Cannibal Old che dimentica lo spirito della fanciullezza! Ahahahahahahah!

Marco Goi - Cannibal Kid ha detto...

queste bambinate commerciali preferisco lasciarle a te, bilbominkia ford :D

Anonimo ha detto...

Many of checks can be quick look-overs, but you may well be subject towards a random, extensive seek out. This seek out often contains the checking of the bag [url=http://www.bose-headphones.info]cheap bose headphones[/url] 2013 sections, is looking for powdery elements.
In the presentation that that you're found transporting a [url=http://www.soldesacslongchamp.info/category/sac-longchamp-hobo]longchamp hobo outlet[/url], certain steps will likely be taken. Based within the item you want, you should be required to return them to everyone car, discard of it, mail it to your dwelling, or change it over to airport security.

click the following for more [url=http://hermesjapan.webnode.jp/]エルメス販売[/url].
Even though the individual policies of every airline could possibly vary slightly, in standard, any remain bags ought not to be in way over 45 linear long marc by marc jacobs bags [url=http://shopuggboots.webnode.jp]ugg 2012[/url] outlet online. To really know what a linear inch really is, simply add up the peak, width and along your proceed [url=http://bagsmarcbymarcjacobs.webnode.jp/ブログ/]マークジェイコブス2013[/url]. 40 excess weight is what the normal weight limit turns out to be.

Amos Gitai ha detto...

Il mio voto sarà più o meno simile, potendo permettere i decimi di voto magari qualcosina in più.

Thi Lan ha detto...

i really like hobbit *_* your blog is very lovely and interesting. im glad if you visit my blog, too <3 keep in touch!

xx
beauthi.blogspot.com

Anonimo ha detto...

Compared to our ancestors, we're producing less energy and eating more. Can I eat normaly, or do I ought to consume less, which enable it to I do winsor pilates more than thrice per week phen375 but everyone at just about any age must be able to get some muscle and strength with body building. Once one's body has been through a total detoxification after the second week, other sorts of food can be gradually reintroduced to your diet. If you see the skipping, push-ups and sit-ups aren't with enough contentration then you can try enhancing the workload by skipping for any longer volume of time and doing more push-ups and sit-ups http://www.phen375factsheet.com if this can be insufficient, it is going to start to get rid of on the fatty tissue to fulfill its energy needs. If consume soon after your regular workout, you'll be able to minimize muscle stiffness and soreness [url=http://www.phen375factsheet.com]does phen375 work[/url] what you're about to read is determined by observations of men and women around me and my personal personal experiences.